INCASTRI SOLIDI: BLOCCO 1

Età consigliata: 

3-6 anni

Finalità del Materiale Montessori Incastri solidi Blocco #1

Gli incastri solidi Montessori Blocco 1 hanno come scopo educare l'occhio a percepire le differenze di dimensione. Promuove il controllo dei piccoli muscoli e la coordinazione occhio-mano. Prepara indirettamente il bambino alla scrittura, poiché le dita e il pollice usati per tenere la matita sono utilizzati per tenere gli incastri solidi.

Ogni cilindro del Blocco 1 diminuisce di 1/2 cm in ogni sua dimensione (altezza e diametro) e, di conseguenza, il suo diametro passa da sottile a spesso e l'altezza da alto a corto.

Vedi la sezione "Descrizione tecnica" per conoscere la procedura di presentazione al bambino di questo materiale Montessori. 

Codice articolo:

GM020100H

62,10 €

L’altezza e il diametro dei cilindri aumentano progressivamente dal più piccolo al più grande. I cilindri variano sia in altezza che in larghezza, in modo direttamente proporzionale: il cilindro più lungo sarà anche il più largo e il cilindro più corto sarà anche il più sottile. Gli Incastri Solidi introducono il bambino alla prima fase di discriminazione visiva delle dimensioni. Sono realizzati in legno massello di faggio con finitura al naturale opaca. Gli incastri hanno spigoli arrotondati e i cilindri sono sabbiati e verniciati uno a uno.

Presentazione degli incastri solidi Montessori Blocco 1:

  • Portate il materiale Incastri solidi al tavolo del bambino. Mettete il blocco sul tavolo tra voi e il bambino. Avvicinatevi abbastanza da permettere al bambino di vedere le cavità quando il cilindro viene rimosso.
  • Sedetevi alla destra del bambino se siete destrimani e a sinistra se siete mancini.  Questo per evitare di bloccare la visione del bambino con il braccio o la mano.
  • Tenere il pomolo del primo cilindro all'estrema sinistra del blocco.
  • Estrarre il cilindro dalla sua cavità e posizionarlo sul tavolo al centro del blocco. Il cilindro deve essere posizionato sul tavolo con il minor rumore possibile.
  • Continuare a rimuovere i cilindri in successione da sinistra a destra fino a quando tutti i cilindri sono stati rimossi dalle loro cavità e collocati sul tavolo. I cilindri devono essere raggruppati davanti al blocco al centro e non in linea retta.
  • Guardate nella prima cavità e poi i cilindri. Questo serve a dimostrare al bambino che state scegliendo un cilindro abbinandolo alla sua cavità e non a caso per tentativi. 
  • Prendete il cilindro che si inserisce nella cavità all'estrema sinistra grazie al suo pomolo. 
  • Sostituite il cilindro che si inserisce nella cavità all'estrema sinistra con il suo pomello. 
  • Riposizionare il cilindro nella sua cavità.
  • Continuare a sostituire i cilindri in successione da sinistra a destra fino a quando tutti i cilindri sono stati sostituiti.
  • A questo punto, il bambino può chiedere a voi o a voi di provare l'esercizio.
  • Al termine dell'esercizio, riportare il blocco al suo posto nello scaffale.
  • Mostrate al bambino dove è conservato il materiale.
Azienda

Perché scegliere GAM?

I prodotti GAM sono conformi alle norme tecniche del settore. Sono testatati per sicurezza, resistenza e non tossicità.

Progetti innovativi

Il nostro Ufficio Ricerca & Sviluppo, con la consulenza di esperti nei vari settori, lavora costantemente al perfezionamento tecnico e al rinnovo stilistico di linee e prodotti.

scopri le realizzazioni

Soluzioni personalizzate

Garanzia pluriennale e assistenza post-vendita. Certificazioni aziendali e di prodotto, a garanzia della sicurezza. Layout progettuali e arredi personalizzati. Consulenza tecnica e pedagogica.

scopri i nostri servizi

Approccio pedagogico

Le soluzioni offerte sono personalizzate in base alle esigenze del cliente: dal primo contatto al montaggio degli arredi, Gonzagarredi segue i suoi clienti in ogni momento.

il nostro approccio

Prodotti di alta qualità

I nostri arredi, dal design italiano, sono sicuri, costruiti con materiali e finiture di prima qualità e conformi alle norme tecniche europee più severe (EN).

Scopri le certificazioni

Potrebbe interessarti anche